Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Barocco netino, glamour e sul perché non ho più partecipato a un workshop da allora.

Esperienza di workshop, che poi è rimasta unica, è stata per me quella fatta a Noto nel lontanissimo inizio degli anni ottanta. L’evento venne organizzato da una associazione netina (Associazione Siciliana Arti Fotografiche) e tra i tanti partecipanti eravamo in molti gli iscritti alle sezioni regionali ANAF (associazione fotografica, “costola” di soliti scontenti in fuga dalla FIAF). Le tematiche che venivano trattate nel WS erano il glamour e la fotografia ambientata nel contesto urbano. Come teatro degli scatti furono scelti Noto, scenari incantevoli della Riserva naturale di Vendicari e pantani di Pachino. A raccordare un gruppo di oltre una dozzina di fotoamatori locali vi erano due notissimi maestri che a quel tempo andavano per la maggiore: Roberto Rocchi e Danilo Cedrone. I lavori, articolati nell’arco della settimana, furono di altissima qualità didattica e del resto non poteva essere altrimenti, stante il livello dei docenti scelti. Dopo brevi introduzioni teoriche, a turno ven…

Ultimi post

VOI, PERO’,NON SMETTETE DI SCRIVERE O DI FOTOGRAFARE.

Il coraggio di cambiare, per chi ha paura e sceglie di vivere di rendita, campando sugli allori, rimanendo fermo.

Giancarlo Torresani

A me intrigano le letture di Pippo Pappalardo.

Nino Giaramidaro (giornalista e fotografo o, a piacimento, viceversa)

Luisa Vazquez (fotografa)

Pino Ninfa (fotografo)

Santo Stefano di Camastra …in ospedale.

Oltre la “regola dei terzi” e la “spirale aurea”

Le fotografie ci stanno sempre intorno