“Fotògrafominutero”

Chi ha l’opportunità di visitare Madrid, passeggiando sulla via laterale del Palazzo Reale, avrà certamente occasione di incontrare Fotògrafominutero. 
Sareste portati, in un primo momento, ad accostarlo a un artista di strada ma se avrete la pazienza di vedere come opera, nel giro di qualche minuto assisterete in sintesi a quello che è in pratica la fotografia: dallo scatto, allo sviluppo del negativo, alla inversione del negativo prodotto attraverso l’ulteriore scatto, alla stampa e consegna del prodotto finito all’avventore di turno. 
Con un banco ottico datato ma professionale e apparentemente fatiscente, dopo aver preparato a modo i soggetti che hanno scelto di farsi fotografare (per lo più sposini in viaggio di nozze e comunque generalmente coppie), magari fornendo loro capi di abbigliamento o cappelli adatti allo scopo, esegue gli scatti all’aria aperta e, con le classiche bacinelle di sviluppo, fissaggio e lavaggio, realizza quelle stampe che normalmente vengono sviluppate dopo ore di lavoro in camera oscura. 
La tecnica usata è impressionante per la velocità, la precisione e la bravura del “Minutero”; l’assistere a tutta l’operazione - che non dura più di una diecina di minuti - è semplicemente uno spettacolo artistico e opera di artigianato d’altri tempi. 
Le poche immagini pubblicate sul mio blog di fotografie, sono una ristretta selezione di moltissimi scatti che ho realizzato nel mio recente incontro. 
Gentilissimo e per nulla geloso di tutelare gli strumenti e le sue tecniche utilizzate, si è dimostrato gentilissimo nel sottoporsi anche lui agli scatti durante il suo lavoro “professionale” (e uso questo termine non a caso, poichè la sapienza tecnica messa in mostra e l’assoluta padronanza dei principi della fotografia impongono questa qualifica). 
Come a tutti coloro che praticano la fotografia, capita di notare soggetti particolarmente belli meritevoli di essere fotografati; come usa dire qualcuno, taluni volti bucano lo schermo e - se opportunamente acconciati – il fotografarli assicura risultati che affascinano il fotografo. In questi casi, lo stesso fotografo si attiva affinchè il risultato finale possa essere ottimale. Forse nel mio fortunato momento questo è accaduto anche al “Minutero”.
Per descrivere ulteriormente quello che è accaduto è sufficiente solo osservare le foto proposte. 
Per finire, ho chiesto a Fotògrafominutero di conoscere il suo vero nome; ma come capita con alcuni “artisti” non me lo ha voluto dire. 
Alla mia considerazione: “Ma se voglio mandarti alcune fotografie che ti ritraggono che magari sono venute bene, come faccio a fartele avere? 
Mi ha risposto: “Nessun problema amico, come puoi vedere dal simbolo esposto nel banco ottico, ho un mio profilo su Facebook oppure mi puoi trovare attraverso Instagram. 
Era proprio vero! 
Quell’incontro occasionale mi aveva fatto rivivere l’ebrezza giovanile d’altri tempi. 
In pratica avevo avuto l’occasione di rinverdire il fascino dello scatto estemporaneo e della collegata pratica di sviluppo in camera oscura, abbandonata da tempo e un po’ dimenticata con l’avvento della fotografia digitale. 
In fotografia occorre avere pazienza; prima o poi capitano anche di queste cose. 
Buona luce a tutti!
© Essec

Commenti